Tokyo (Giappone) – Nikon, tra i marchi leader del mercato mondiale della fotografia, ha annunciato la decisione di chiudere la produzione in Giappone e abbandonare il mercato nipponico entro marzo 2022. A riportare la notizia è il Corriere della Sera. Entro la fine del 2021, l’azienda trasferirà in Thailandia le attività dello stabilimento produttivo, attualmente in funzione nella prefettura di Miyagi, nel nord del Paese. “Il livello qualitativo dei nostri prodotti non verrà in alcun modo modificato, anche se realizzati all’estero”, precisa Nikon tramite un portavoce.

A guidare tale decisione sarebbe stato lo stallo dei consumi durante la pandemia e i cambiamenti nelle abitudini dei giovani. Questi ultimi sembrano, infatti, sempre più orientati all’utilizzo degli smartphone, che grazie alle fotocamere di ultima generazione di cui sono ormai dotati, consentono di scattare foto senza l’ingrombro invece necessario a un apparecchio professionale.